Keplero Servizi - Via G. Marconi 51, Scala A, Bologna - Tel. 051.199.84510 - Fax 051.199.84510 - E-mail: info@kepleroservizi.it

Tutte le attività e gli studi professionali che, oltre al titolare, impiegano almeno un lavoratore (dipendente o praticante/stagista) erano tenute a redigere entro il 31 maggio 2013 il Documento di Valutazione dei Rischi (c.d. DVR), e non potranno più avvalersi dell’autocertificazione, inizialmente permessa a chi occupa meno di 10 lavoratori.  

Il Ministero del Lavoro ha dissipato i dubbi inizialmente emersi sulla data definitiva per adempiere all’obbligo previsto dal D.Lgs 81/08, fissando al 31/05/13 il termine ultimo per mettersi in regola.

Si precisa che l’art. 2 del D.Lgs. 81/08 indica che, ai fini della obbligatorietà del Documento Valutazione Rischi,  

vengono considerati lavoratori:

  • Il socio lavoratore, che presta la sua attività per conto della società o dell’ente stesso;

     

  • gli stagisti, i tirocinanti, gli apprendisti e i volontari delle Ass. di Volontariato;

     

  • dipendenti a tempo determinatopart-time, a chiamata;
     

  • i lavoratori a progetto e quelli stagionali;

     

  • l'associato in partecipazione di cui all’art. 2549 e seguenti del codice civile;

In pratica è considerato lavoratore chiunque presta la propria attività all’interno di un organizzazione, indipendentemente dalla qualifica, dal ruolo e dalle modalità retributive.

Le sanzioni previste sono particolarmente pesanti e possono essere anche di tipo penale, con l’arresto da tre a sei mesi e ammende da 2.500 a 6.400 Euro per chi non redige il DVR, e ammende da 2.000 a 4.000 Euro per chi lo redige in maniera incompleta o erronea. (quindi attenzione ai DVR artigianali, scaricati da internet o fatti da chi non ha le competenze).

I controlli competono agli ispettori delle ASL ma anche all’ISPESL, all’ARPA, ai Carabinieri addetti al nucleo ispettorato del lavoro, agli ispettori dell’Agenzia delle Entrate ed ai militari della Guardia di Finanza. I controlli specifici sono avviati in modo indipendente ma scattano automaticamente a seguito di una denuncia di infortunio all’INAIL. 

La redazione del DVR si configura inoltre obbligatoria per l’accesso ad agevolazioni e benefici contributivi, nonché per gare e appalti

Desideri informazioni?

Contattaci subito, risponderemo al più presto